9D18F4F9-B220-47B1-992F-709FE977C63F

ILLAF IOUT ILLAF IEIM 2

Ven 29 nov ore 18

v. Mazzini 45 Po

ILLAF IOUT ILLAF IEIM2

La condivisione come forma di resistenza all’odio capace di trasformare l’energia negativa in qualcosa di positivo. È la parola d’ordine dell’evento pensato e realizzato dall’artista LauraBalla che con il suo “ILLAF IOUT ILLAF IEIM”, in programma il prossimo 29 novembre, vuole creare l’occasione per riflettere sul senso del vivere civile, sul valore della parola e dei gesti, sulla valorizzazione della comunità, dell’arte e soprattutto della capacità (e volontà) di trasformare le energie negative in altro.
È il terzo evento di una serie avviata con @cazzituoicazzimiei e ILLAF IOU ILLAF IEIM, eventi realizzati per reagire alle azioni spiacevoli di violenza e di odio di cui proprio Laura ha avuto esperienza diretta.
L’artista pratese, infatti, che vive e lavora in pieno centro, proprio a novembre dello scorso anno è stata vittima di atti di vandalismo rivolti alla sua bottega che qualcuno ha ricoperto di disegni osceni a forma di pene. Alla barbarie ha risposto convocando una serie di artisti per dar vita a una mostra con la quale inviare un messaggio pubblico, ossia che si può reagire alla bruttezza con la bellezza, che l’azione non è cancellare (come se la vittima dovesse vergognarsi) ma far ragionare. Per far capire che “sono cazzi nostri”, come diceva l’invito alla mostra. “L’idea è che si possa rispondere all’odio con dei segni concreti – spiega Laura Balla – che è necessario opporre la solidarietà tra le persone alla sopraffazione di chi vandalizza di nascosto un singolo. Occorre mettere in atto delle strategie nuove di riflessione e di resistenza, oggi più che mai perché non è un disegnino che ci danneggia: è il silenzio. E il silenzio siamo noi, le nostre scelte. L’idea – conclude l’artista – è trasformare il disagio in parole scritte, respiro, immagini, passi, cibo, musica in un processo che faccia da ponte tra noi e gli altri. Riflettere sull’importanza di “condividere” perché -_ILLAF IOUT – non rimangano solo -ILLAF IEIM”.
L’appuntamento è per il 29 novembre alle ore 18 presso lo spazio artistico di Laura Balla in via Mazzini, in un’esperienza multisensoriale capace di rimettere al centro l’uomo, l’arte e la parola. Tra gli ospiti di questa nuova edizione ci sarà lo scrittore-artigiano marchigiano Andrea Testadirapa con i suoi librini e il suo MICROMUSEO. I suoi testi surreali nudi crudi giocosi e poetici saranno letti da Francesca Vattiata e Luca Bonistalli.
Il pittore pisano Enrico Pantani, artista ironico, dissacrante primordiale con una vena poetica non indifferente lavorerà in diretta sul tema dell’evento.
L’insegnante di Taichi Daniela Ciabatti Gradi darà vita a un momento speciale con esercizi di ascolto al respiro. Saranno presenti anche l’artista performer Enzo Correnti con una performance “carta-socio-sciamanico-politica” e Davide Cruciata che parteciperà installando nello spazio una scultura.
In mostra ci sarà anche il libro “La bambina lunare”, ispirato agli scritti di Andrea Testadirapa, con illustrazioni di Laura Balla. Parteciperà anche “L’alveare” con i suoi prodotti a km zero.

Dipinto in locandina : la zattera di Meso.Le locandine di ILLAF raffigurano la vetrina del mio studio con L’ intervento pittorico fatto dall’artista invitato all’evento precedente.

(F.Vattiata)